CASE DI PERSONE CELEBRI NELLA NOSTRA RIVIERA LIGURE

CASE DI PERSONE CELEBRI NELLA NOSTRA RIVIERA LIGURE

1-Villa Regina Margherita, via Romana ,36 Bordighera

La Regina d’Italia Margherita di Savoia, moglie di Umberto I ,trascorse l’ultimo periodo della sua vita in una sontuosa villa di Bordighera,

disegnata dall’architetto Luigi Brogli.

Qui morì nel 1926. La villa ,donata poi all’Associazione Famiglie dei Caduti e Dispersi in Guerra è oggi di proprietà del Comune . Si compone di due splendidi edifici con annesso un rigoglioso parco.

2-La casa di Charles Garnier , via Garnier,11 Bordighera

L’elegante profilo bianco di Villa Garnier, residenza privata del celebre architetto francese Charles Garnier ,progettista dell’Opera di Parigi, del Casino di Montecarlo, dell’ Osservatorio di Nizza ,domina Bordighera.

Qui Egli vive a lungo e progetta:

Villa Etelinda, quella che oggi è la sede del municipio, la chiesa di Terrasanta, Villa Studio e naturalmente, la sua abitazione.

Dopo la morte dell’architetto, Villa Garnier è abitata da una famiglia americana ,quindi passa alla Diocesi di Ventimiglia.

In questa villa, Garnier scrive “les sujets artistiques de Bordighera” dedicato agli artisti di passaggio che non si sarebbero fermati in questo bellissimo angolo del mondo, suggerendo loro le località che fanno di Bordighera una città del tutto singolare.

3- La casa del pittore Pompeo Mariani, via fontana vecchia,7 Bordighera

Pompeo Mariani è definito uno dei più grandi pittori di marine del mondo.

Nel 1889 venne a svernare a Bordighera e, subito , fu attratto dal mare, dai pescatori dell’Arziglia e naturalmente dagli ulivi e dalle palme.

Fu nel 1909 che divenne ospite permanente di Bordighera e fra la Città Vecchia e la via dei Colli acquistò la villa che porta ancora oggi il suo nome.

Mariani buon pittore di stile Impressionista, lavorò intensamente tra la Riviera Ligure ed il Principato di Monaco.

4-La casa di Thomas Hanbury-uomo d’affari e mecenate-,capo Mortola Ventimiglia

Thomas Hanbury ,uomo d’affari londinese, innamorato di un tratto di costa di ponente dal clima particolarissimo, in prossimità di Ventimiglia, acquistò nel 1867 un vasto terreno sul promontorio della Mortola.

Qui realizzò la sua dimora trasformando e curando in particolar modo il rigoglioso giardino che la circondava.

Oggi per volontà della famiglia Hanbury, i giardini appartengono allo Stato Italiano e la loro conservazione è affidata all’Istituto di Botanica dell’Università di Genova.

Ancora oggi per posizione e qualità delle essenze floreali ed arboree, è considerato uno dei più bei giardini d’Italia.

5-La casa dello scienziato Alfred B. Nobel, corso Cavallotti,112 Sanremo.

Alfred Nobel vive gli ultimi anni della sua vita a Sanremo, in un edificio di stile eclettico, circondato da un bellissimo parco esotico, con una torretta dove intraprendeva e perfezionava i propri esperimenti.

La villa realizzata in uno stile metà tra il Liberty ed il Barocco ed il parco vengono acquistati nel 1891 .

Oggi la dimora è sede di un centro culturale con un museo permanente di cimeli nobeliani.

6-La casa dello scrittore Italo Calvino, via Meridiana,82 Sanremo.

Italo Calvino, uno dei maggiori scrittori italiani del XX secolo, nasce a cuba e muore a Siena.

Tra il 1925 ed il 1945 Calvino vive a Sanremo.

Spunti del paesaggio ligure sono citati nel celebre romanzo “La strada di San Giovanni”.

Con la famiglia soggiorna a lungo in villa Meridiana, che conserva ancora parte del parco di piante tropicali voluto dal padre Mario Calvino, un noto agronomo sanremese e dalla madre Eva Mameli,botanica.

7-La casa del Clown Adrien Wettach detto Grock, via Carli, Imperia.

Il clown Grock nasce in Svizzera il 10 Gennaio 1880 e vive gli ultimi anni della sua vita ad Imperia fino alla morte avvenuta il 14 luglio 1959.

L’edificio appare all’esterno come un oggetto bizzarro mentre all’interno è un rigoroso esempio di stile “Decò”, come se il grande clown amasse uno stile di vita diverso da quello che doveva “apparire” in pubblico.

Egli apprezza la città durante una visita ai suoceri che vi si trovavano in vacanza e vi ritorna più volte ed infine comprò la sua casa oggi di proprietà della provincia di Imperia.

Dopo il restauro ,villa Grock, diventerà un centro polifunzionale, per convegni, mostre ed in parte museo destinato ad ospitare collezioni e a ricordare il grande artista.


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.